.
Annunci online

  ludiprussia [ ilmiomessico ]
         

"Vedevo le cose in maniera
diversa da come le vedevano loro.
E quello che vedevo io, loro non lo
vedevano."

 

 

 

S. Dalì

  

 


19 gennaio 2004

Rumors...

Si dice in giro che ludiprussia abbia abbandonato il blog
a causa di una donna bellissima e fatale che lo ha reso schiavo
dei suoi desideri per 10 giorni impedendogli di raggiungere
la sua postazione internet
.
       
   


      ٱ    VERO


      ٱ    FALSO


 


 

p.s.: solo gli stupidi non cambiano idea (io sono stupido)




permalink | inviato da il 19/1/2004 alle 23:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa



10 gennaio 2004

Adeus

Ho sempre pensato...
Meglio una morte rapida che una lenta agonia.
Vale anche per il blog.
Grazie per la compagnia amici del Cannocchiale, spero di avervi lasciato un buon ricordo

Buena Vida

Lu Di Prussia
 




permalink | inviato da il 10/1/2004 alle 13:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa



23 dicembre 2003

Capita un lunedì sera

Uscire tardi con un'amica e parlando e bevendo e fumando e parlando scoprire che lei ti piace, ma ti piace proprio... sempre di più, sempre di più fino a che non puoi fare a meno di baciarla in una Trastevere semideserta, ancora e ancora e non vorresti fare altro... anche se è la notte più fredda dell'anno
ma tu te ne accorgi soltanto dopo... quando rimani solo




permalink | inviato da il 23/12/2003 alle 19:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa



21 dicembre 2003

Quando ludiprussia dava il nome ai motorini

In principio fu un Ciao, vinto dal papà di Lu a una riffa di paese grazie ad una combine abbastanza losca ma non rara in eventi di questo tipo. Ci vollero due anni di suppliche e ottimi voti alle versioni di latino perchè il giovane ludiprussia potesse usufruire del suo gioiellino rosso per andare a scuola.
La gioia di parcheggiare Morrison accanto agli altri dueruote dei colleghi viscontini durò solo pochi mesi infatti un giorno d'estate Morrison sparì insieme al fetente che se lo rubò sotto scuola.

16 anni a Roma e il culo per forza su un sellino, ma quando non è il tuo non c'è lo stesso gusto... e così altri sacrfici, ottimi voti ai compiti in classe di matemaatica, lavoretti pomeridiani per entrare da St.Peter Moto, a Borgo e uscirne con un Vision bianco/blu nuovo di zecca: Jenny Vixen faceva la sua comparsa sulle strade cittadine. Prime garette, modifiche, sequestri (un mese di separazione forzata tra autobus, passaggi rimediati e conti alla rovescia interminabili), nuovi quartieri e ragazzine dietro - puoi stringermi se vuoi - e il brutto incidente sotto casa che mette fine alla carriera della piccola Jenny dopo due anni di vita.

Grazie ai soldi dell'assicurazione il neoricco neodiplomato ludiprussia può comprarsi un nuovo SH blu che battezzerà Shanti Bailor... inizia così un sodalizio storico tra uomo e macchina: Shanti è sempre insieme a ludi, lavorano insieme come pony express per mesi a respirare lo smog del centro, vanno all'università quasi tutti i giorni... tante ragazze e amici di dietro tanto da optare per una sella lunga da rubare insieme al "prof" dopo che si sono fregati la mia.

Shanti Bailor muore di vecchiaia dopo un tot di chilometri, abbandonata nel cortile di casa, un male incurabile al motore le dà il riposo eterno.

Ludiprussia ha lasciato da tempo il mondo delle corse cittadine e adesso si dedica al rimorchiaggio intellettuale tra teatri trasteverini e feste di artisti: il mezzo di trasporto è un burbero vespone 150 del '79 targato Como di nome Rezzonico che ha la tendenza a rompersi nei momenti meno indicati ma che ancora sopravvive nel garage condominiale.

Ora c'è uno Scarabeo 125, bello e veloce ma, come dire... ha poca personalità o forse ludiprussia ha meno fantasia visto che il suo scooter non ha ancora un nome




permalink | inviato da il 21/12/2003 alle 2:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



18 dicembre 2003

Maestri a confronto - 4

Il concorso più famoso del Cannocchiale si rinnova anche in questa occasione: oggi a confronto due scattii  in B/N, su un tema caro al sottoscritto: il culo femminile. Votate, votate, votate

 

Ellen Von Unwerth - Germania - anni '80

Jean Loup Sieff - Francia - anni '30

p.s.: chi ritiene questo post volgare non ha capito niente della vita




permalink | inviato da il 18/12/2003 alle 14:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa



18 dicembre 2003

Scherzi lù?




permalink | inviato da il 18/12/2003 alle 1:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



10 dicembre 2003

Il nuovo giuoco dell'arte

INDOVINA IL PITTORE MISTERIOSO
chi è?:



Al vincitore due ingressi omaggio al privé del Mesca




permalink | inviato da il 10/12/2003 alle 22:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa



8 dicembre 2003

Trash, molto trash

Ore 6:35 - Ultimo Vodka/pompelmo alla barra dell'Insane:

- Ludi: Emy, dovrei parlarti di una cosa importante...
- Emy: Non ora Lù, parlamene quando sono lucido
- Ludi: Ecco, appunto...

Mi dà un bacio e torna a ballare con la cicciona australiana




permalink | inviato da il 8/12/2003 alle 14:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa



7 dicembre 2003

Impara il romanesco

Bando alle tristezze, oggi inizia un a nuova rubrica sulle pagine del Cannocchiale:
la Ludiprussia Blog Educational™ è lieta di presentare: IMPARA IL ROMANESCO, per i poveri sprovveduti che vengono a Roma a cui capita di sentire espressioni del tipo: "Ho fatto 'no stronzo tarmente duro che ppe mannallo ggiù c'ho dovuto fa a spadate (realmente sentita in corsia al Policlinico).
Dunque cominciamo con alcuni termini tipici.
SCALLAPIZZETTE (anche SCARDAPIZZETTE): dicesi di moto/motorino di età vetusta, spesso modificato e in evidente stato di scarburamento avanzato, producente rumore assordante ed inconfondibile. Non si conosce l’inventore di questa parola ma è sicuramente un genio metropolitano.
Frase tipo: "Aho e spegni quoo scardapizzette, che me stai a spappolà er cervello".
INGARELLAMENTO: Sorta di sport suburbano praticato da automobilisti e motociclisti senza scrupoli che consiste nello sfidare il proprio vicino al semaforo con sguardi alla Gioventù bruciata e sgasamenti più o meno rabbiosi e poi lanciarsi in una gara a velocità smodata nel traffico metropolitano fino alla sparizione di uno dei due contendenti. Luoghi cult dell’Ingarellamento cittadino sono il Parcheggione della Magliana, il rettilineo della Colombo e - per i motorini - il Lungotevere nelle ore di punta.
Frase tipo: “Stamattina me so ingarellato co’ un Gorfe (Golf) su viale Marconi: jò segato le recchieeeee (gli ho segato le orecchie - fig.)”
E’ tutto per la prima puntata
Se vedemio




permalink | inviato da il 7/12/2003 alle 22:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa



1 dicembre 2003

Il solito Schadeberg

Però sul fondo del mare io...




permalink | inviato da il 1/12/2003 alle 19:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa



28 novembre 2003

Giocare sul Blog

Crasse risate




permalink | inviato da il 28/11/2003 alle 22:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa



23 novembre 2003

Leroy & Leroy

Sapete che Leroy è morto? Da tempo malato di AIDS, la stella di Saranno famosi ha avuto un ictus mercoledì scorso e se n'è andato a ballare nei teatri dell off-heaven. Ho conosciuto Leroy una sera d'estate ai tavolini della vineria di Campo de' Fiori: si faceva offrire da bere e in cambio faceva dei salti mortali, poi mostrava i muscoli e se ne andava via insieme ai suoi amici gay.
C'è un altro Leroy sulla scena adesso: si chiama J.T., scrive romanzi allucinanti sulle periferie americane (ho appena finito il suo sconvolgente The heart is deceitful above all things) e magari un giorno passerà a Campo de' Fiori...
allora gli offriremo da bere




permalink | inviato da il 23/11/2003 alle 15:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa



23 novembre 2003

Maestri a confronto

La crocifissione vista da due grandi artisti del ventesimo secolo. Facciamo un sondaggio


   Pablo Picasso

   1930





 





 


   Renato Guttuso

   1941           





 





 





 ki scegli?




permalink | inviato da il 23/11/2003 alle 0:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa



22 novembre 2003

Ar Goa

Alla fine degli anni 90 c’era una sola discoteca a Roma degna di questo nome: il Goa di Via Libetta, bhè sta ancora là e poco è cambiato: stessa difficoltà nell’entrare se non si conoscono gli organizzatori, stessa folla di gente all’ingresso, stessi prezzi alti, ma adesso abbiamo i soldi per prendere un tavolo e siamo circondati dalle appariscenti ragazze semisnob che frequentano i privé  romani. Ricordo una serata in cui a Tagliatatela rubarono il portafogli e lei se ne fregò bellamente continuando a ballare fino al mattino (dopodiché si fece l’after hour in questura); ricordo i bigliettini delle consumazioni falsificati ad arte dai Guru’s bros che ci hanno fatto bere gratis (e tanto) per un’intera stagione; ricordo una litigata storica con la mia Julia (succedeva ogni volta che mettevamo piede in qualsiasi luogo in cui ci fossero donne presenti) ma era stupenda lo stesso; ricordo che ieri sera sono entrato ma non ricordo di essere uscito, né di essere tornato a casa… eppure mi sono risvegliato nel mio letto.



Mi sto riprendendo adesso (grazie Jobim)




permalink | inviato da il 22/11/2003 alle 22:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa



19 novembre 2003

Memories on TV

Quando vivevo in gran Bretagna guardavo spesso la televisione: mi piacevano molto i documentari della BBC e i reality show di tutti e 5 i canali pubblici, però quello che veramente mi faceva impazzire erano le TV comedies.
Mi introdusse a questo genere televisivo il mio coinquilino Chris, malato di cancro che non usciva mai, mangiava solo cibo precotto e si sbomballava di canne con il suo amico skinheads, poi ogni sera andava al blockbuster all'angolo e si affittava 3/4 videocassette. Così ho conosciuto l'albergatore casinista John Cleese di Fawlty Towers, i giovani pazzoidi di The Young Ones, il mitico Delboy di Only Fools and Horses, la Royle Family, la famiglia più svaccata d'Inghilterra, il perfido Rowan Atkinson di Black Adder e soprattutto il fantastico Father Ted, che vive su una sperduta isoletta irlandese insieme al giovane seminarista Father Doug e all'ubriacone Father Jack che, sempre ubriaco, dice solo "Drink" e "Feck".... mitico, mitico, mitico...

ma qualcuno ha idea di cosa stò parlando?





permalink | inviato da il 19/11/2003 alle 23:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa



17 novembre 2003

Vieni Lù?




permalink | inviato da il 17/11/2003 alle 21:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



15 novembre 2003

In un giorno così grigio:

Avrei voglia di svegliarmi accanto alla donna che amo, svegliarla facendole capire che ho voglia di lei, fare l'amore, vestirmi in fretta per andare a comprare i cornetti, mangiarli nel letto, sbriciolare dappertutto, farlo di nuovo, più a lungo stavolta, riaddormentarsi abbracciati nel letto sporco... continuare così fino a sera... poi perdersi e ubriacarsi tra la folla di Parigi


 


in un giorno così grigio... avrei voglia di sentirmi innamorato




permalink | inviato da il 15/11/2003 alle 12:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa



10 novembre 2003

Capisci che sei su una cattiva strada quando...

Torni a casa alle 4 del mattino 4 giorni su 7.
Esci con gente che ti parla di ovuli colorati.
Non ricordi più di che colore è la tua racchetta da tennis.
Le ragazze che ti stanno intorno la darebbero al padre sessantenne di uno dei tuoi migliori amici.
L'unica idea che ti viene in mente è un blog pieno di ubriaconi.
Incontri un ex collega spagnolo a Trastevere e non riesci a ricordare il suo nome, nonostante abbiate studiato insieme per mesi.
La tua sorellina preferita ti dedica mezz'ora a settimana (ciao stronza).
Ti svegli alle 12.30 di lunedì mattina pensando che forse avresti dovuto essere da un'altra parte (tipo al lavoro)




permalink | inviato da il 10/11/2003 alle 13:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa



3 novembre 2003

Che fine ha fatto François Corti?

Tempo fa noi bambini ci chiamavamo per nome e cognome, portavamo il grembiulino blu delle prime elementari e in generale capivamo poco di quello che ci succedeva attorno. Il mio compagno di banco era un bambino di nome François ed era uno strano: la sua mamma era matta e/o francese e ci invitava tutte le settimane a casa sua per giocare e fare i compiti con il figlio(nonostante François avesse dei giochi da sogno e la merenda fosse di prima classe, alcuni bambini non ce li mandavano), mentre il papà era un mistero insolubile per noi "normali figli di due genitori ai quali veniva nascosto tutto quello che orbitava al di fuori della morale comune". François faceva numerosi tic e aveva degli attacchi che poi scoprii si chiamavano epilettici: nessuno lo capiva quando incominciava a piangere e a fare il matto e tutti i compagni ne avevano più o meno paura. Io ero, per così dire, costretto dalla mia democratica nonna a stargli vicino, ma anche a me faceva paura... dopo l'estate non è più venuto a scuola, non ricordo se la maestra ci disse qualcosa in proposito e non ne ho saputo più niente: chissà che vita difficile avrà avuto, che merda di vita




permalink | inviato da il 3/11/2003 alle 20:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa



3 novembre 2003

Kitsch or Kafka?
Bill Crandall spots kisses in Praga





permalink | inviato da il 3/11/2003 alle 19:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



31 ottobre 2003

Soundtrack: Outkast - Spottieottiedopaliscious

Nella memoria di molti romani è indelebile l'immagine della GATTARA: questa figura della Roma popolare, invariabilmente in ciavatte e vestaglia, con in mano un piattino di plastica con gli avanzi dei rigatoni, si aggira sotto casa vostra evitando accuratamente di pestare le cacche dei cani della zona. Roma è piena di gattàre e gattàri che vivono in simbiosi con questi felini di piccola taglia e spesso li elevano al rango di loro migliori amici. La mia ragazza (a quanto pare io sono il suo ragazzo, o almeno così mi definisce, parlando al telefono con la sua amica) è una gattàra che si sbaciucchia i suoi due micetti dalla mattina alla sera...
IO SONO ALLERGICO AI MICIIIII
non credo che quetsa storia durerà a lungo...




permalink | inviato da il 31/10/2003 alle 1:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



29 ottobre 2003

Tra 50 anni

- Ehi Mi sono due ore che scrivi 'sto post, ti dai una mossa?

- Calmati NSR, mi trema la mano




permalink | inviato da il 29/10/2003 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa



28 ottobre 2003

Nick e soprannomi

I nostri nicknames ce li scegliamo noi: simpatici o altisonanti, impegnati o stupidotti, referenziali e autoreferenziali ci accompagnano su queste pagine senza lasciarci mai, apparte alcuni casi sporadici di cambio nick dovuti a cause di forza maggiore (openblog) o a ventate di nausea per se stessi (fetish?). Il realtà il nick o soprannome a Roma c'è sempre stato: io sono stato per anni "er lacrima" a causa dei miei occhi piagnucolosi e ancora adesso qualcuno mi chiama "luchetto" (anche se non sono + tanto piccolo). Chi di noi non conosce almeno un roscio? In quale comitiva non c'è uno soprannominato ciccio? Beati quelli che il soprannome se lo danno da soli...
Saluti al Professore, Rigatone, Sandrino, Korraskio, Bobbo, er Trecca, Lollo, Secio, Marcolino, Utte, Guru, Paoletto, Mighelona, Ilanyyy, Kepo, Ninnino, er Palla, e chi + ne ha + ne metta...




permalink | inviato da il 28/10/2003 alle 19:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa



26 ottobre 2003

A Bologna, che ce siete venuti affà?

L'odioso coro risuona nelle mie orecchie mentre mi vedo uscire dal campo a testa bassa: il primo cartellino rosso di un'onesta carriera calcistica lontano dai riflettori. Che ce siete venuti affà? 11 giocatori e 1 tifosa, un portier alto 1.65, un negro scorreggione e un musulmano che chiede in giro quando inizia il ramadan in Italia che sennò stasera non si può ubriacare. Che ce siete venuti affà? Pure dal Belgio? 12 ore di macchina per arrivare ultimi... che? voi due venite da Roma? e chi vi ha fatto entrare? Però poi... ma che ce l'hai una canna? Olandese eh? E le tifose baresi convertite alla nostra causa di scarsi ma belli, un hotel superlussuoso con cameriere carine, un rave affollato per Bologna di notte, gli ex colleghi, ex compagni, sempre amici, per ridere, scherzare, incazzarsi, esultare, correre, insultarsi... semo venuti a giocà appallone.




permalink | inviato da il 26/10/2003 alle 22:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



20 ottobre 2003

ça va?

Sono mancato? Sì, lo sono...
ma anche il blog mi è mancato e a Parigi è stata dura per svariati motivi. Primo il lavoro: di giorno a causa di continui meetings, presentazioni e altre stronzate non ho avuto tempo di vedere nulla, neanche le mostre di Cocteau e Basquiat che dovevano essere un must alla partenza. Secondo il sesso: con la mia ex amorosa non facciamo altro per due notti; ciò mi provoca un'arretratezza di sonno e una spossatezza che influiscono non poco sulle mie mansioni di public relation e fanno incazzare (moderatamente) il mio capo. Terzo il tempo: un freddo di Dio e mi sono portato solo un rennino oltre al mio business dress di ordinanza. Quarto il mio collega sprovveduto che è tipo ombra e che nell'unico pomeriggio libero mi costringe ad un giro allucinante di shopping-for-souvenirs sugli Champs Elysees e ad una cena da Hippopotamus con approccio fantozziano a due strafiche parigine che ovviamente ci mandano in bianco (anche grazie alle vistose buste di WaltDisney che ci portiamo dietro).




permalink | inviato da il 20/10/2003 alle 19:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa



12 ottobre 2003

Hardcore Sarturday

Dopo aver bevuto e fumato smoderatamente con i miei familiari Paolo e Monica mi sono ritrovato agli Ex magazzini con un gruppetto di semisconosciuti tra cui una ragazza frikkettona che mi piace da un po'. Dicono che l'alcool fa cadere le inibizioni, così dopo 20 minuti ci baciavamo e dopo un'ora passata a cercare di seminare gli amichetti, siamo finiti a fare l'amore al Gianicolo. E' l'alba e lei mi chiede:
ma tu come ti chiami?
Luca e tu?
Elisabetta.
Ma già lo sapevo




permalink | inviato da il 12/10/2003 alle 18:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



11 ottobre 2003

Il Branca... com'era

Tavolacci di legno e un pratone sul retro, i ricordi sono annebbiati dal fumo che circolava in quantità industriali... concerti autoprodotti dei "Villa Ada Posse", il té la domenica pomeriggio e quella volta che Danielino tornava dall'India con l'oppio... fanga se pioveva, i raves e i sogni di una musica diversa, Paoletto con il microfono in mano, ragazze con i capelli bicolori e per la prima volta a Roma il geniale Talvin Singh, ma già era un'altra cosa e oggi se a Roma voui vendere alcolici devi pagare 250mila € per la licenza...




permalink | inviato da il 11/10/2003 alle 4:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



10 ottobre 2003

Le pischelle serie

L'altra sera mi sono ritrovato in un festino presso Ponte Milvio a casa di un vecchio compagno con il quale avevo rotto da tempo. C'erano diversi personaggi legati alla mia adolescenza di ragazzotto semipariolino fankazzista motorizzato tipico romano. C'era anche un'ex che all'epoca voleva rimanere casta fino al matrimonio e che poi ho scoperto l'ha data a un bel po' di conoscenti prima di legarsi stabilmente ad un noto testa di kazzo di zona. Mighela è rimasta blokkata su un divano tutta la sera da colui che è stato definito il miglior venditore di tappeti del pianeta e la mia ragazza (ah ah ah) non si è neanche presentata con la scusa di una cena programmata da tempo con la solita amica appena mollata... bla bla bla. Così mi sono dedicato al gruppetto di aspiranti modelle straniere, partecipando svogliato al gioco di chi la sparava più grossa tra i numerosi spasimanti presenti. Mig mi ha mollato presto e mi è sembrato naturale chiedere un passaggio alla mia ex con in mente secondi fini non dichiarati ma evidenti agli occhi dei più attenti, tra questi l'attuale fidanzato che infatti se l'è portata via prima che potessi salire in macchina. Nel taxi verso casa mi sono venuti in mente i pomeriggi in discoteca vestito come un coglionazzo; il mio vecchio vision 50, morto in un incidentaccio sotto casa; le feste del sabato sera dove il 50% delle persone non conosceva il proprietario di casa e le voglie adolescenziali represse da ragazzine deficenti che puntualmente ti levavano la mano dovunque tu l'apoggiassi.

 




permalink | inviato da il 10/10/2003 alle 20:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa



8 ottobre 2003

Weeeeird

Sono due anni che non vado a Parigi, ci devo tornare con piacere per lavoro tra 2 weekends . Lei è stata a Parigi solo una volta in 26 anni, ci passerà un weekend di ritorno dalle sue vacanze-riposo con la famiglia nel sud della Francia. Abbiamo promesso di fare di tutto per incontrarci. Se recentemente avevo acquistato un minimo di stabilità emotiva questa incredibile, assurda coincidenza l'ha fatta sfracellare sul primo albero del Bois de Boulogne.




permalink | inviato da il 8/10/2003 alle 20:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa



27 settembre 2003

Perché non sarò mai un manager di successo

- Perché tutto quello che ho letto e ricordo non ha nulla a che fare con trading, joint ventures o gaps in the market.
- Perché le mie camicie sono di solito sgualcite e spesso non mi faccio la barba.
- Perché sono troppo pigro e disinteressato per farmi fare dei bigliettini da visita.
- Perché non ricordo mai i compleanni, arrivo tardi ai briefings e mi defilo sempre tra i primi tre.
- Perché ho un'opinione calcistica di scarso rilievo non essendo tifoso di nessuna squadra e non sapendo con precisione quali siano le squadre italiane in Champion's League.
- Perché la musica che ascolto mi sembra qualcosa di lontanissimo dalle persone che ho intorno.
- Perché la "Prussiamobile" non è propriamente una macchina di CLASSE A e a volte puzza un po' anche.
- Perché non sono simpatico.
- Perché non riesco a leccare il culo di nessuno che non sia quello profumato della mia ragazza.
- Perché non mi frega niente di vivere in una società dove tutto è in vendita, anche la parole e le idee.
- Perché a 30 anni ancora faccio i botti cor motorino...


gracias a Santa Brecciolina e San Pietrino, patroni degli scooteristi di città.




permalink | inviato da il 27/9/2003 alle 22:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre       
 


Ultime cose
Il mio profilo





Blog letto 55327 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom